VERIFICATO PER CENSURA

Sala Diana | In programmazione: 17/02/2017

Tutto inizia  da uno zio, che oramai non c’è più, un uomo dolce, mite che è stato in un campo di concentramento; un uomo che non ha mai raccontato niente di quello che ha vissuto nel campo di prigionia, nemmeno una parola alla moglie, alla figlia ai nipoti: come se avesse cancellato il ricordo. Non ne parlava perché lui non c’era mai stato! Ma poi spuntano delle lettere scritte alla madre prevalentemente, da lui e da due suoi fratelli. Lettere che raccontano, con una calligrafia fittissima, dai tempi in cui erano nei battaglioni dalle parti di Mondovì fino alla deportazione in Germania per uno e in Russia per  un altro (Russia da cui non fece mai ritorno). Lettere che raccontano cose semplici, come la necessità di fumare per stare meglio, la fame, la preoccupazione di rassicurare continuamente chi è a casa, la rassegnazione di non capire quanto durerà e quando si tornerà. Da queste lettere e soprattutto dall’idea che le prossime generazioni non potranno più incontrare chi c’era e ha vissuto questa cosa, che ora vediamo in televisione, e che si chiama guerra e potranno anche credere che sia solo un racconto, un’invenzione e che non sia successo veramente.

Sto caricando la mappa ....
10500487_797038763661824_8142481657843901237_n

Prezzo: intero € 12,00 ridotto € 9,00
Abbonamento: sì
Con: Domenico Baldini, Roberta De Donatis, Martina Pittaluga
Regia: Lidia Giannuzzi
Produzione: La Pozzanghera
Autore: Lidia Giannuzzi

Sala Diana